LA DIRIGENTE SCOLASTICA

 

  • VISTO il DPCM del 2 marzo del 2021;
  • VISTO DL 13 marzo 2021, n. 30 Misure urgenti per fronteggiare la diffusione del COVID-19 e interventi di sostegno per lavoratori con figli minori in didattica a distanza o in quarantena.
  • VISTA l’Ordinanza del Ministero della Salute del 12 Marzo 2021 che applica alla regione Emilia Romagna, per un periodo di 15 gg a far data da lunedì 15 Marzo 2021, le misure cui al capo V del DPCM sopracitato (zona rossa);
  • VISTA la Nota prot. 662 del 12.03.2021 del Ministero dell’Istruzione contenente chiarimenti in merito all’articolo 43 del D.P.C.M. del 2 marzo 2021 (alunni con bisogni educativi speciali e alunni con disabilità);
  • VISTE le proprie autorizzazioni alla frequenza in presenza per le categorie di alunni individuate dal citato articolo 43 del D.P.C.M. del 2.03.2021, a seguito di richiesta dei genitori e dopo aver acquisito il parere dei team didattici, dei consigli di classe e delle funzioni strumentali dell’area inclusione;
  • VISTO il CCNI 25 ottobre 2020;
  • TENUTO CONTO del Piano per la Didattica Digitale Integrata per l’a.s.2020/21;

 

COMUNICA

 

La sospensione delle attività didattiche in presenza dal giorno 15 marzo 2021 al giorno 29 marzo 2021 (salvo proroghe di cui vi daremo comunicazione) estesa alle scuole di ogni ordine e grado dell’Istituto Comprensivo “G. Bentivoglio” di Poggio Renatico.

Le attività didattiche delle Scuole dell’Infanzia, Primarie e Secondaria saranno realizzate tramite Didattica Digitale Integrata secondo l’orario comunicato dai docenti coordinatori alle famiglie.
Per le categorie di alunni di cui all’articolo 43 del D.P.C.M. del 2.03.2021, autorizzati alla frequenza scolastica, l'erogazione della didattica in presenza sarà organizzata per gruppi di apprendimento affidati ad alcuni docenti di riferimento che non necessariamente saranno quelli della classe. Ciò, al fine di limitare gli spostamenti a quelli strettamente necessari ad assicurare la didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita, così come previsto dal citato DPCM.

 

Cogliamo l’occasione per chiedere il rispetto delle norme che regolano il Piano per la Didattica Digitale Integrata, in modo da rendere più efficaci le attività proposte.